Rocca Imperiale Montegiordano Roseto Capo Spulico Amendolara Albidona Trebisacce Villapiana Sibari
Corigliano Calabro Rossano Mirto Crosia Calopezzati Mandatoriccio Pietrapaola Cariati
Clicca qui ed entra nei portali della Pubblisystem

Cosa trovi a:
Mirto Crosia
Ristorante C'era una volta - Mirto Crosia - clicca qui ed entra nel nostro ristorante
Ristorante C'era una volta
Mirto Crosia
Il ristorante "C'era una volta" è situato lungo la strada che porta a Crosia.
Nel nostro ristorante puoi riscoprire i sapori antichi della cucina tradizionale abbinata ai gusti che soddisfano i palati più moderni.
Dalla cucina casalinga, con la pasta fresca semplice e ripiena, ai piatti ricercati con il tocco dello chef.
Proponiamo menù calabresi con salumi e formaggi a KM 0 acquistati dagli artigiani locali.
Grande offerta di piatti a base di pesce, carne argentina, selvaggina, razze podoliche.
La carta vini, accuratamente selezionata, propone etichette famose ed etichette meno conosciute, ma di grande qualità.
Con la nostra cordialità e competenza, siamo pronti a soddisfare ogni tipo di richiesta.


<<<-o->>>
Jonio in Vetrina è il portale per pianificare al meglio le tue vacanze sulla Costa Jonica della provincia di Cosenza. L'offerta varia dagli hotel ai ristoranti, dai camping ai locali notturni e molto altro ancora. Tante proposte per tutte le tasche. Il funzionamento è semplice ed efficace: sarà sufficiente cliccare sulla località che vi interessa e troverete le migliori offerte. E poi notizie ed informazioni sui centri storici e sul territorio circostante. Inoltre, nella sezione vetrine, tante proposte per lo shopping con la selezione delle migliori aziende ordinate per categoria, per soddisfare ogni tua esigenza con un semplice click.


La storia
Le vicende di Crosia sono legate al fiume Trionto, conosciuto in epoca Magno-Greca, quando i cretesi, secondo lo storico locale Luigi Voltarelli, in seguito a una crisi metallurgica, si spostarono sulle coste calabresi in cerca di ferro e rame, reperibili nelle miniere di Longobucco. Il metallo veniva portato a valle sulle acque del Trionto, allora navigabile, per essere imbarcato neè porto situato alla foce.
Il nome Crosia, deriverebbe da Kreusa, moglie di Enea.
Si racconta, infatti, che l'eroe troiano abbandonò la sua città ormai in fiamme e cercò la salvezza accompagnato dal padre Anchise, dal figlio Julo e dalla moglie. Kreusa con la mente confusa, dopo un breve tratto scomparve. Dopo sette anni di peregrinazioni, Enea sarebbe giunto nella valle del Trionto e in quel luogo che chiamò Kreusa, si sarebbe fermato per diverso tempo. Secondo la tradizione popolare, il borgo sarebbe nato nel 1315 a. C, ben 561 anni prima di Roma.
Un'altra interpretazione storica colloca la fondazione di Crosia nel 510 a. C., quando i crotoniani sconfissero i sibariti, nella valle dei Trionto.
Il nome subì altre trasformazioni: Kruseon o Kruseia, Chrysea, Crisia, Terram Curisiam e infine Crosia potrebbe significare "d'oro".
Gli abitanti erano dediti alla lavorazione dell'oro e dell'argento provenienti dalle miniere della vicino Longobucco. In età romana si legò ad Annibale. Durante la dominazione Normanna Crosia rientrava nella baronìa di Cariati. Il primo feudatario fu Matteo de Riso (1306). Seguirono: Gentile Sangiorgio, poi i Ruffo, Tommaso Guindazzo, la famiglia d'Aragona, seguirono i Mandatoriccio. Il Primo duca di Crosia fu Teodoro Dionigi, ultimi signori furono i Sembiase fino al 1799.
Nel 1811 divenne frazione del Comune di Calopezzati. Crosia divenne primo nucleo dell'attuale masseria, meglio nota come castello.


Il link


Il meteo



"Jonio in Vetrina" è un prodotto Pubblisystem - P.Iva 02456860788 - Tutti i diritti riservati - 2008